REPORT

Porsche, duemila nuove assunzioni per la mobilità elettrica

Entro il 2024, la casa specializzata in vetture sportive prevede di investire circa 10 miliardi di euro in progetti di ibridizzazione, elettrificazione e digitalizzazione dei propri prodotti

La mobilità elettrica ha creato nuovi posti di lavoro in Porsche: 2.000 nuove assunzioni sono state generate dalla Taycan, cui si aggiunge l’estesa campagna di qualificazione professionale lanciata dalla casa. È uno degli aspetti più interessanti del bilancio diffuso nella conferenza stampa annuale alcuni giorni fa.

Entro il 2024, la casa specializzata in vetture sportive prevede di investire circa 10 miliardi di euro in progetti di ibridizzazione, elettrificazione e digitalizzazione dei propri prodotti e di conseguenza sta già ampliando la sua offerta nell’ottica della mobilità elettrica: il prossimo modello che verrà introdotto sarà il primo derivato della Taycan, la Cross Turismo. Anche la nuova generazione della Macan – il SUV compatto della gamma Porsche – sarà alimentata da un propulsore elettrico, il che farà della Macan la seconda serie di Porsche a trazione esclusivamente elettrica. La casa prevede che entro la metà di questo decennio circa il 50% delle vendite dell’intera gamma di prodotti sarà costituito da modelli a trazione solo elettrica o da ibridi plug-in.

“Avevamo ricevuto circa 30.000 serie manifestazioni d’interesse per l’acquisto di una Taycan già prima della presentazione ufficiale della vettura a settembre”, ha precisato Oliver Blume. “Ad oggi, più di 15.000 clienti hanno sottoscritto un contratto di acquisto. Confidiamo di riuscire a stimolare una forte domanda anche nel 2020 grazie all’attrattività della Taycan e alle versioni dei modelli 911, 718 e Cayenne”.

“Nei prossimi mesi ci troveremo ad affrontare un contesto sfidante a livello economico e politico, non da ultimo a causa dell’incertezza generata dal coronavirus”, ha puntualizzato il CFO Lutz Meschke. Meschke ha aggiunto che nonostante gli ingenti investimenti a favore dell’elettrificazione della gamma di prodotti, della digitalizzazione e per l’espansione e il rinnovo delle sedi aziendali, la casa intende comunque conseguire i suoi ambiziosi obiettivi in termini di profitto e ha sottolineato: “Puntiamo a realizzare il nostro obiettivo strategico, vale a dire un ROS del 15 percento, grazie a misure che promuovano l’efficienza e attraverso lo sviluppo di nuove e redditizie aree di business”.

Iscriviti alla newsletter
Diventa nostro Sponsor
Area Aziende

I nostri sponsor
I nostri partner
Partner istituzionali
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche