THE FUTURE OF COMPOSITES

'I compositi possono vincere le sfide dei veicoli del futuro'

Intervista ad d Alan Banks, Lightweight Innovations Manager in Ford Motor Company

Proseguiamo il nostro percorso di interviste esclusive per capire come evolverà il settore dei compositi. Questo ed altro abbiamo chiesto ad Alan Banks, Lightweight Innovations Manager in Ford Motor Company. Ecco le sue interessanti risposte. 

di NICOLA CATENARO

Mr. Banks, secondo lei l'alleggerimento dei veicoli è una sfida necessaria?
«L'alleggerimento per l'alleggerimento è un tema emotivo poiché le tecnologie attuali tendono ad aggiungere costi. In un mondo di veicoli elettrificati (EV), diventa quasi un punto controverso poiché le prestazioni delle auto elettriche sono generalmente di gran lunga superiori a quelle dei motori a combustione. Il peso leggero può aiutare ovviamente nelle prestazioni e nella gamma, che nella maggior parte dei casi sono ancora un problema per i clienti. Il punto in cui la leggerezza inizia davvero ad avere un effetto è sui veicoli commerciali. L'aumento del peso di questi riduce il carico utile e l'autonomia su una piattaforma EV, dunque sia per soddisfare le esigenze del cliente sia per mantenere l'efficienza del carico utile, dobbiamo recuperare quanto più possibile dal punto di vista economico. Le sfide sono i costi, la scalabilità, il costo totale di proprietà e la comprensione delle implicazioni dell'intero ciclo di vita».

Quali sono gli altri ostacoli?
«Per i produttori tradizionali e consolidati, abbiamo stabilimenti, linee di veicoli e clienti che dobbiamo mantenere e affrontare nel viaggio verso i veicoli elettrici. Ciò significa che dobbiamo trasferire la nostra attività e le nostre infrastrutture da ICE (internal combustion engine, ovvero il tradizionale motore termico, ndr) a EV per un periodo di tempo per assicurarci di avere una forte presa sul futuro, soddisfacendo al contempo le esigenze dei nostri clienti storici. Le start-up ovviamente non hanno questo problema, ma non hanno nemmeno la profondità di comprensione di come produrre costantemente veicoli su larga scala con qualità o l'esperienza e la conoscenza dettate da una base forte di clienti. Come per tutti gli ostacoli, il modo per superarli è presentare un forte business case per giustificare la tecnologia. E in un mondo EV, sta diventando più difficile. Ma elevati profitti possono essere ottenuti con il giusto approccio che può fare breccia con le giuste innovazioni».

I materiali compositi possono aiutare a vincere questa sfida? Quale sarà il loro futuro?
«Penso che i compositi siano nella posizione ideale per affrontare questa sfida. Uno dei problemi più grandi è che quando diciamo "composito", la maggior parte delle persone parte dal presupposto che stiamo parlando di "fibra di carbonio", ma non è così. L'evoluzione della tecnologia composita è rapida e i costi e la scalabilità sono ora abbastanza interessanti per  essere presi sul serio. Man mano che iniziamo a vedere più lavoro sui veicoli autonomi e connessi (CAV) e  l'idrogeno inizia a diventare prevalente, la percezione cambierà totalmente. I CAV e il loro potenziale di ride-hailing (servizio di vettura con autista, taxi o Uber per esempio, ndr) apriranno la strada ai requisiti per i sensori a bordo per i quali i materiali compositi sono fatti. È probabile che i CAV trascorrano molto più tempo in strada rispetto ai veicoli di proprietà personale per cui la loro forza e durata richiederanno materiali più resistenti e durevoli. Allo stesso modo, in un ambiente a idrogeno (H2), lo stoccaggio del carburante a bordo avviene tramite recipienti a pressione di tipo IV che richiedono fibra di carbonio. Man mano che queste diventeranno prevalenti, la produzione di fibra di carbonio aumenterà consentendo alle economie di scala di riversarsi su altri componenti».

Come cambierà il futuro dell'auto dopo la pandemia?
«Penso che la maggior parte delle persone e la maggior parte dei governi abbiano visto la riduzione di CO2 con il lockdown e vogliano mantenere e accelerare la loro transizione verso le emissioni zero. Le vendite dei tradizionali propulsori ICE diminuiranno molto più velocemente man mano che l'infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici migliorerà e l'H2 inizierà a prendere quota. Oltre a questo, la maggior parte delle città sta ora vietando i veicoli più vecchi e più inquinanti dai centri urbani e questo accelererà la corsa agli ibridi e, in definitiva, ai veicoli a zero emissioni. La tecnologia migliora sempre di più ogni settimana e questi sono tempi molto entusiasmanti per lavorare nel settore automotive».

CHI È
Alan Banks è il supervisore delle strutture leggere nell'ambito del settore innovazione e ricerca in Ford Motor Company. Ha iniziato a lavorare in Ford nel 1983 come apprendista e ha lavorato in Chassis Engineering come responsabile dei sistemi di sospensione dei veicoli commerciali fino al 2019 prima di passare a Innovazione e Ricerca. Il suo compito con il team di Innovazione e Ricerca è quello di guidare progetti con tecnologie e applicazioni leggere che abbiano capacità di produzione di massa. È stato il team leader del progetto Composite Lightweight Automotive Suspension System (CLASS), che ha vinto la categoria JEC World Automotive Application Innovation nel 2018. È anche a capo del progetto Composite UK Innovation Award, vincitore del Composite Hybrid Automotive Suspension System Innovative Structures (CHASSIS), il cui completamento è previsto nel 2021, e ha 8 brevetti a suo nome.

Archiviato in: Il futuro dei compositi
Iscriviti alla newsletter
Diventa nostro Sponsor
Area Aziende

I nostri sponsor
I nostri partner
Partner istituzionali
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche