IL FUTURO DEI COMPOSITI

“Ridurre il peso è importante, ma i compositi portano molti altri benefici”

Intervista a Carmelo Lo Faro, presidente di Solvay Composite Materials

CompositesPortal e PortaleCompositi inaugurano una nuova rubrica dedicata a "Il futuro dei compositi" per conoscere, dalla voce dei più importanti esperti del mondo, in che direzione si muove questo settore e cosa dobbiamo aspettarci dal futuro. Abbiamo iniziato con Carmelo Lo Faro, presidente di Solvay Composite Materials.

Dottor Lo Faro, cosa ne pensa del futuro del settore dei compositi? Molti analisti prevedono una crescita costante del 5% entro il 2021.

“Non mi piace molto parlare di percentuali specifiche perché le percentuali dipendono sempre da situazioni variabili e da quale parte del mercato ci si trova. Ma un punto deve essere chiaro. I compositi sono un settore molto giovane e in un settore giovane c’è un grande potenziale che è ancora sottoutilizzato sia dal lato tecnologico che dal punto di vista dell’industrializzazione. Credo che oggi l’industria non comprenda ancora del tutto le reali potenzialità dei materiali compositi. Il pubblico e anche alcuni ingegneri pensano che i materiali compositi riguardino la riduzione del peso. Sono convinto che la riduzione del peso sia molto importante, ma i compositi apportano molti altri vantaggi, oltre all’alleggerimento, che non sono ancora completamente compresi ma che saranno grandi motori per la crescita futura “.

Per esempio?

“Ad esempio, cose come la capacità di creare qualsiasi forma tu voglia. I compositi sono usati su ali grandi, ma il peso è un vantaggio secondario. La ragione principale è che non si può fabbricare quell’ala con il metallo perché non si può formare l’alluminio con i complessi profili aerodinamici di cui si ha bisogno oggi. Altri esempi sono nel settore petrolifero e del gas, dove oggi la corrosione è un problema, oltre ad altri problemi come il peso. C’è un altro aspetto: il mercato. L’industria aerospaziale continua a incrementare la sua adozione di materiali compositi. Il settore difesa/militare continua ad essere un mercato interessante, oltre a petrolio e gas e, ultimo ma non meno importante, dobbiamo considerare il settore automobilistico, dove affrontiamo la sfida più grande nell’adozione di materiali compositi per diversi motivi. C’è un grande ecosistema che deve essere creato nel settore automobilistico, un ecosistema fatto di conoscenze, infrastrutture, tecnologie e altre importanti categorie. L’industria automobilistica è una grande opportunità, ma è anche quella che richiede la sfida più grande in termini di tempo e lavoro necessari per consentire la piena adozione dei materiali compositi”.

Molte persone pensano che la fibra di carbonio cambierà il futuro del settore automobilistico agevolando la riduzione di peso dell'auto elettrica. È d’accordo con questa idea?

“Penso che se le persone continuano a vedere il beneficio dei materiali compositi solo come un modo per ridurre il peso, queste tecnologie saranno adottate solo da una piccola parte dell'industria, e questo vale anche per le auto elettriche. Ma è vero che stiamo vivendo una grande trasformazione nel settore automobilistico. Come sappiamo, ci saranno più cambiamenti nei prossimi dieci anni che negli ultimi cento anni dell’industria. Vedo due tendenze: i veicoli autonomi e le auto elettriche e quelle a idrogeno. E saranno queste tendenze a creare l’opportunità di adottare nuove tecnologie”.

Leggera, resistente ma anche molto costosa. La fibra di carbonio non è la strada più semplice per produrre componenti e componenti per il settore automobilistico in cui, come tutti sanno, i metalli sono i materiali più utilizzati. Pensa che potremmo cambiare questa situazione nell’industria globale?

“Il tema principale non è il costo del materiale, ma il costo totale della fabbricazione delle parti. Ci sono molti benefici non sfruttati che i compositi portano e oggi si dovrebbe smettere di pensare che i materiali compositi siano solo un materiale esotico e costoso. Dobbiamo guardare i compositi nel modo giusto. La missione di Solvay è quella di sviluppare tecnologie che consentano la produzione di parti a un costo competitivo. Sì, la materia prima è forse più costosa, ma alla fine c’è la possibilità di rendere le parti più economiche. Come? Una parola chiave è l’integrazione. Uno dei vantaggi dei materiali compositi è in assoluto la possibilità di integrare di più, il che riduce significativamente i costi. Stiamo continuando a innovare. Per crescere ulteriormente, i compositi devono fornire più valore. Sfide e opportunità future sono nella produzione (formatura a pressa, materiali termoplastici e produzione additiva), unione e simulazione. Il futuro sarà guidato dalla scala industriale e dalle economie, dalla convergenza delle pratiche aeronautiche e automobilistiche, dalla crescente importanza del sistema di produzione rispetto al prodotto finale ".

Cosa ne pensa dei processi di fusione e acquisizione che, nel settore dei compositi, portano le grandi aziende di materie prime a diventare sempre più grandi? Il rischio che in futuro solo un piccolo gruppo di società operino nel mercato globale è reale, oppure no?

“La risposta a questa domanda non è semplice. La mia opinione è che il consolidamento e la concorrenza siano entrambi buoni driver per l’adozione dei compositi. Il consolidamento del settore crea un meccanismo di scala che aiuta i clienti a utilizzare i materiali in progetti più grandi. La concorrenza aiuta a promuovere l’innovazione e lo sviluppo di tecnologie che, insieme al meccanismo di scala, aiuteranno la crescita”.

 

Diventa nostro Sponsor
Area Aziende

I nostri sponsor
I nostri partner
Partner istituzionali
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobile/desktop anche per iPhone iPad e Android a San Benedetto del Tronto, Roma, Ascoli Piceno, Marche